La partecipazione attraverso la rete: bottom up o top down?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Nell’articolo che verrà pubblicato in settembre sulla rivista GSA affronto il tema della partecipazione dei cittadini sotto il profilo specifico dell’e-participation e del rapporto tra iniziative dal basso ed iniziative ‘istituzionali’.

Nelle conclusioni dell’articolo metto in evidenza che:

"La partecipazione attraverso la rete (e-participation) presenta, al di là del confronto dei pregi e dei limiti rispetto all’interazione vis a vis, propri specifici requisiti e potenzialità che sono riconducibili alla moltiplicazione delle possibilità di contatto e di interazione ma anche di visibilità, aggregazione e di ‘trascinamento’ che possono avere i singoli, ma anche le loro idee e proposte.
La continua evoluzione degli strumenti e degli ambienti di e-participation e l’attenzione crescente che suscitano gli ambienti di social network come moltiplicatori di scambio tra le persone e di visibilità individuale e di gruppo, delineano una prospettiva di medio periodo che vede la rete affermarsi come un veicolo primario di interazione tra i singoli con spiccate caratteristiche di pariteticità, di accessibilità e di facilità d’uso.
In generale si può affermare che più gli strumenti e gli ambienti di e-participation riusciranno a coniugare le opportunità di interazione sistematica con le diverse fasi che caratterizzano i percorsi della progettazione e della decisionalità con l’esigenza crescente da parte dei cittadini e dei gruppi di veder crescere gli spazi di protagonismo, di visibilità, di soggettività e di interazione ‘orizzontale’, più la rete riuscirà ad affermarsi come strumento di democrazia effettiva e di sussidiarietà.
Anche per questa ragione è necessario lavorare per concepire e mettere a disposizione dei cittadini piattaforme partecipative capaci di rispondere ad una pluralità di esigenze e di situazioni e di accompagnare le diverse fasi di costruzione di proposte bottom up.
Ma questo non basta: per stimolare la voglia di esserci ed assicurare la gratificazione dell’impegno dei cittadini è indispensabile affermare una maggiore attenzione ed un riconoscimento effettivo da parte delle istituzioni e delle amministrazioni locali del valore democratico e propositivo della partecipazione."

Scarica l'articolo integrale